Telegraph Island

Home > Musandam > Telegraph Island

IL PIU’ AMATO DAI TURISTI

Named after a telegraph station built on the island by the British in the 19th century, Telegraph Island is a favourite with tourists looking to explore the ancient abandoned ruins, snorkel in the surrounding waters or simply enjoy a Dhow cruise to the island to witness the stunning fjords of Khawr Ash Sham.

Prende il nome da una stazione del telegrafo costruita dagli inglesi nel XIX secolo: Telegraph Island è una delle mete preferite dai turisti che desiderano esplorare le antiche rovine abbandonate, fare snorkeling nelle acque circostanti o semplicemente godersi una crociera in Dhow sull’isola per assistere allo spettacolo dei fiordi di Khawr Ash Sham.

L’espressione “aggirare la curva” non è solo una frase inattiva. Per una manciata di soldati britannici a metà del 1800 era il posto peggiore dove trovarsi: un avamposto solitario nell’isola dove i soldati lentamente perdevano la testa nel caldo del deserto.

Dal 1864 al 1869, Jazirat al Maqlab, o “Telegraph Island”, fu un avamposto telegrafico cruciale per la comunicazione tra India e Gran Bretagna. Per cinque anni dopo la disattivazione della telegrafia, i soldati britannici continuarono a presidiare l’avamposto isolato. Secondo quanto riferito, ogni singolo uomo di stanza all’avamposto della penisola di Musandam ha completamente perso la testa a causa della monotonia e del calore, bloccati per mesi nell’isola di dimensioni di un campo da calcio, tagliati fuori dal mondo esterno e soggetti all’intenso calore. Oggi l’isola è un residuo spettrale del grande impero britannico. L’avamposto fu abbandonato a metà del 1870 e gli edifici si sbriciolarono. L’isola ora è destinazione per lo snorkeling e la pesca piuttosto che un centro di comunicazione strategico, ma rimane il caldo opprimente e l’atmosfera solitaria respirata dagli sfortunati soldati.